Menu

IL TEATRO DEL POI

Seguici su


SETTIMA STAGIONE #TDP7
DUEMILAVENTUNO
.VENTIDUE
LA STAGIONE DI RITORNO

Sabato 12 febbraio

INTO THE WILDE
Uno spettacolo di e con Marco Bianchini
Regia Gianmarco Busetto

Negli ultimi mesi di detenzione al carcere di Reading Oscar Wilde scrive al suo amico Bosie - Lord Alfred Douglas - una lunga lettera in cui ripercorre le tappe della “malaugurata e deprecabile amicizia” che lo ha condotto alla rovina. ...

Si tratta del De Profundis, considerato la più lunga lettera d’amore mai scritta. Ma siamo davvero sicuri che sia una lettera d’amore? A partire da questa domanda ha inizio un’indagine sulle ragioni che hanno portato Wilde a scrivere la famigerata Epistula: In Carcere et Vinculus. Lo spettatore viene guidato attraverso i momenti salienti della relazione tra il celebre scrittore e il giovane lord, dal primo incontro fino al processo e all’incarcerazione per sodomia e gravi indecenze.
Into the Wilde è uno spettacolo costruito su una drammaturgia originale che gioca su diversi piani narrativi, sull’alternanza tra registri alti e bassi e sull’utilizzo di diversi linguaggi, intrecciando il racconto storico con suggestioni provenienti dalla cultura pop, per approdare a una riflessione sulla passione sottomessa alla ragione e su ciò che accade quando la tensione verso l’assoluto viene soffocata.

Sabato 19 febbraio

JACK AND JILL
di Jane Martin
Con Elisa Gandolfi, Paolo Malgioglio e Andrea Cirillo
Regia Ludovica Aprile

“C'è qualcosa di sadico in due persone che continuano a vedersi, sapendo che i loro bisogni non si incontreranno mai". È un eterno girotondo, una giostra dalla quale è impossibile scendere, la storia di Jack and Jill. ...

Una giostra tra l'infantile e il pericoloso.
Sono sottoposti ad un costante momento di prova. Si mettono alla prova, ci provano e riprovano e si interrogano su che cosa provino davvero.
È una storia che non inizia, non finisce e non si sa quante volte sia già stata vissuta.
Non esiste una casa per loro, ogni luogo è a scadenza e le loro valigie sono il segno della precarietà di una vita senza sosta, di un rincorrersi per trovare il tempo per sistemarsi. Aggiustare le cose. Una ricerca di un tempo che non aspetta e che li chiude in un loop di eterno ritardo. Intenti a cercare l'acqua in cima ad una collina.
C'è una realtà con la quale fare i conti, come un occhio che ti spia dalla serratura di una porta chiusa, che ti guarda da lontano e ti costringe ad estrarti dal tuo flusso. Ti apre gli occhi e ti lascia parlare. Tutto ciò è attorno e davanti a Jack and Jill.
Sono due fogli bianchi, specchio e contrario, portano il seme e le spoglie dell'amore L'amore ha uno spazio? Esiste un tempo e un luogo quando ci amiamo?

Sabato 26 febbraio

LA PAURA FA 50
Di Gianpiero Perone, Marco Guarena, Beppe Tosco e Toni Mazzara
Con Gianpiero Perone

“La paura fa 50!” è uno spettacolo sul passare del tempo.
Prende spunto dal fatto che il protagonista deve affrontare questa famosa età di mezzo, questa data così fatidica, e ci porta a spasso per tutte le paure e le manie che rendono comica e divertente la nostra vita. ...

Si parte da un confronto tra passato e presente per finire poi a disquisire di forma fisica, palestre e sport estremi, “come l’unzione”, dice il nostro eroe.
Si parla di tecnologia e di come restare al passo coi suoi progressi, di figlie che crescono e che ti presentano i loro nuovi fidanzati, della nostra insoddisfazione a volte e di come affrontare il tempo che passa seguendo un decalogo del tutto speciale. Tra monologhi, canzoni e momenti di riflessione più “seri” vola via un’ora e mezza di divertimento intelligente.
Questo spettacolo è anche legato ad un progetto editoriale e discografico, un libro/cd intitolato Nascosto nel vento che viene presentato durante la serata ben inserito e contestualizzato nello svolgimento dello spettacolo.

Sabato 05 marzo

I PRIMI DEI NON ELETTI
Di Adriano Bennicelli
Con Matteo Avataneo, Giorgio Berardo, Luca Bertero, Corrado Vallerotti
Regia Annachiara Busso

“PRIMI! (dei non eletti)” è scritto da Adriano Bennicelli, apprezzatissimo e prolifico autore romano, che porta in scena quattro vite, quattro spaccati di esistenza, diversissimi ma collegati e uniti insieme dal caso o dal destino. Uno spettacolo tragicomico che restituisce delle vite dei protagonisti i lati più esilaranti e riflessivi, più intimi e surreali: in scena 4 attori. ...

Quattro uomini completamente diversi per carattere, nascita e esperienze, che si trovano ad affrontare la più difficile delle prove ovvero il confronto con la vita che hanno vissuto.
Quattro uomini nel pieno della loro vita, che sono costretti a guardarsi alle spalle e riconoscere di essere ad un punto di svolta, il momento in cui tutte le cose appaiono chiare e definite:
Un precario, nella perenne ricerca del colloquio di lavoro giusto, di un’opportunità per far valere le proprie competenze, tra strampalate esperienze lavorative e dubbi corsi di aggiornamento.
Un uomo qualunque, che a causa di una notizia sconvolgente, decide di realizzare in 24 ore tutto quello che non ha mai avuto il tempo di fare.
Un calciatore, alle prese col momento più importante della sua carriera davanti agli occhi del mito della sua infanzia.
Un disadattato, vittima di una particolare sindrome, è costretto a girovagare in un supermercato senza poter uscire.
Come riusciranno i quatto a far quadrare i conti con le proprie difficoltà e i propri limiti e a superare definitivamente l’empasse che li fa sentire inesorabilmente I primi, ma dei non eletti?

Sabato 12 marzo

POVERO CRISTO
Di e con Stefano Gorno

Un povero cristo tra vecchie paure e nuovi pericoli, evoluzione della specie e una specie di involuzione, preghiere inascoltate e viaggi della speranza.
Per ridere anche quando ci verrebbe da piangere.

Sabato 19 marzo

ANTIGONE PER DONNA SOLA
Di e con Debora Benincasa
Regia Amedeo Anfuso

Avremmo voluto proporvi uno spettacolo sui veri eroi. Di quelli che non hanno paura del buio, si lanciano contro i lupi e ti baciano in controluce su immobili tramonti. ...

Antigone purtroppo è una storia diversa. Una storia che respira dell'attimo prima, quello in cui ancora potresti tornare indietro, posare il pugnale e continuare lungo la vita che ti offrono. È una storia che attraversa le ossa di una ragazzina magra, di un'eroina spettinata che dal centro della tragedia ti guarda sorridendo. Antigone cerca di uscire dalla sua prigione ridendoci contro, abbassandosi per cambiare punto di vista, ironizzando per alleggerire il dramma, per poi lasciarsi trascinare nella poesia, indugiare nel grottesco o nei versi di una canzone. Ma alla fine siamo sempre con lei, proprio lì dove l'avevamo lasciata, con la pistola, il pugnale o la corda in mano.
Con Antigone, che ha i denti del lupo e la rabbia del cacciatore.
Che preferisce lottare. O decide di morire.

Vincitore del Premio Mauro Rostagno alla migliore drammaturgia

Spettacolo selezionato dall’Italian Theatre Festival di New York

Sabato 26 marzo

MAPERÒ
Di e con Luca Catarinella, Martina Michelini, Bruno Orlando

Un comune errore grammaticale, cacofonico e fastidioso, che rappresenta appieno l’anima del progetto artistico. Nel nostro spettacolo infatti, l’unica vera protagonista, l’ipocrisia, attraverso i MA e i PERÒ invade e pervade la quotidianità di tutti gli individui. ...

Risulta utile spiegare come siamo giunti, durante la fase pre-creativa, alla decisione di affrontare il tema dell’ipocrisia. Ci siamo infatti domandati quale potesse essere un’esigenza comunicativa su cui adoperarsi. Questo ci portò alla mente un evento in particolare, realmente accaduto ad un membro della compagnia. Durante un incontro, uno degli attori decise di raccontare una disavventura capitatagli qualche sera prima. Una volta finito l’aneddoto, gli venne fatto notare come in realtà il suo modo di reagire all’accaduto fosse terso di ipocrisia. Ma non essendo tutti i presenti convinti che si trattasse effettivamente di un comportamento ipocrita, si decise di cercare la definizione su di un dizionario. “L'ipocrisia (dal greco ὑποκρίνομαι «fingere») è un atteggiamento, comportamento o vizio di una persona che volontariamente finge di possedere credenze, opinioni, virtù, ideali, sentimenti, emozioni che in pratica non possiede”.
Presto ci siamo resi conto di come in realtà poco o nulla della nostra vita possa non esserne tacciato. Noi stessi ne siamo ancora più coinvolti in quanto attori, il mestiere che per eccellenza la prevede. Quanto più, poi, abbiamo cercato di smentire l’ipocrisia della vita giornaliera attraverso esempi, tanto più regalavamo un altro punto ad essa. All’inizio l’intento era quello di trovare una soluzione per riuscire a fuggire dal labirinto dell’ipocrisia, ma non essendo riusciti a trovarla, ci è sembrato giusto, invece, semplicemente scattarle una fotografia per mostrarla.
Tale istantanea, nata da una “scoperta” o “rivelazione” (se così può essere chiamata), si fa carico di una domanda che vogliamo riecheggi nelle menti delle persone: è possibile trovare una via d’uscita che permetta di fuggire da quest’intricato labirinto? E se così fosse, lo vorremmo veramente?

Sabato 02 Aprile

RISO AL LATTE
Scritto, suonato e interpretato da Mariangela Martino

Monologhi comici di scrittura originale, accompagnati al pianoforte da brani spiritosi o da musica serissima, "Sebbene peggio del teatro, vi sia solo la musica classica...".
...

Le disavventure quotidiane con la banca, col mondo del lavoro, con gli sportelli pubblici, con i parenti, con il condominio, ecc... viste con lo sguardo dell'ironia ed accompagnate talvolta da musica impegnata, talaltra da scemenzuole musicali. Per ridere delle nostre fragilità ed ammettere i nostri veri sentimenti.

Domenica 03 Aprile

UNA STANZA TUTTA PER VIRGINIA
Di e con Vittoria Morino

"Chi potrà mai misurare il fervore e la violenza di un poeta quando questo si trova prigioniero e intrappolato nel corpo di una donna." Virginia Woolf, definita come l'indagatrice dell'anima umana e forte sostenitrice dei diritti femminili, prende vita nella stanza dei suoi tormenti. ...

Scrittrice inglese vissuta tra il 1882 e il 1941, Virginia è uno spirito nomade che in questa nuova visione decide di scrivere un nuovo romanzo ricordando, smarrita, le sue giornate per poi piombare nel suo terrore più grande... la guerra!

Sabato 09 Aprile

VINILI

La tua Musica è buona, da Improvvisare
Uno spettacolo di IMPROVVISAZIONE TEATRALE e MUSICA.
...

Un Dj e i titoli delle canzoni preferite dal pubblico, saranno gli input di infinite storie che gli attori sul palco improvviseranno, lasciandosi ispirare da ogni cambio musicale.
"Vinili" è uno spettacolo di improvvisazione teatrale che ha riscosso grande successo al Festival Internazionale di Le Havre (F).
Diteci qual è la vostra canzone preferita. Al resto ci pensa l'improvvisazione...

Sabato 16 Aprile

VARIAZIONI ENIGMATICHE
di E.E. Schmitt
Diretto e interpretato da Mario Bois e Paolo Tibaldi

Vi sono elementi etici che distinguono l'uomo dall'animale? Quali le sensibilità verso i propri simili? E quali istinti esistono o non esistono, reciprocamente, nella ricerca della verità? Ecco i tre ingredienti da cui partiremo, qui ed ora con l'ausilio del teatro, per evocare le eventuali risposte o, perché no, nuove domande.
...

Nei panni dello scrittore Abel Znorko e del giornalista Erik Larsen, gli attori avranno a che fare con un testo dalle mille contraddizioni e variazioni, dando vita sin da subito ad uno scontro brutale, cinico e commovente che, tra autentica ironia, pietà e dolore, si perdono e ritrovano con abilità dialettica. Il loro scambio, ambizioso di verità, diventa poi confessione e mea culpa; ma ogni loro dichiarazione, confidenza, verità, viene ridimensionata da quella più importante, sconvolgente. Se la verità è una sola, quante e quali dinamiche esistono per manifestarla?

Sabato 23 Aprile

U.MANI.TÀ
di e con Jacopo Tealdi

Tratta dallo spettacolo U.MANI.TÀ, questa versione racchiude in una cornice di luce storie d'amore, monologhi poetici e tanta comicità...
...

Le mani di Jacopo Tealdi sono le uniche mani parlanti in tutto il mondo: un vero e proprio artigianato dell'emozione, che tocca l'anima con gentilezza.
Le mani diventano volti che raccontano storie comiche e poetiche e attraverso il teatro danza e il playback theatre, con spunti di riflessioni profondi coinvolge ogni fascia d'età in uno spettacolo letteralmente fatto a mano!

Sabato 30 Aprile

THE LOSERS
Di Michela Fattorin e Loris Mosca
con Loris Mosca & Sara Rosa
Regia: Michela Fattorin
Una produzione Teatro di TELA e Associazione Culturale OnOff

Quante volte abbiamo assistito a serate di gala, premiazioni, straordinari protagonisti trionfanti? Red carpet, grandi discorsi, “and the winner is...?” Grandi attrici e attori. Incredibili personaggi di fantasia. ...

Vincenti unici.
Vincenti predestinati.
Vincenti sempre.
Ecco, con una punta di orgoglio e tanta intraprendente commiserazione, è un onore per noi dare voce all’altra faccia della medaglia, al lato oscuro della fantasia, ai reietti sempre ai margini e surclassati. Agli eterni secondi. Agli sfigati, insomma. Ai perdenti! Per farlo abbiamo deciso di giocare scegliendo nell’immenso e variegato universo che ci offrono alcune categorie che tutti conosciamo e che segnano in qualche modo la nostra vita: Il Teatro, le Favole, I Cartoon e il Cinema. In questo infinito calderone di personaggi ne abbiamo scelti alcuni che si sfideranno a colpi di tragicomiche esistenze, rocambolesche avventure e disastrosi epiloghi. A condurre la serata una coppia di presentatori all’avanguardia, postmoderna e fracassona. Un duo comico che affonda le proprie radici nel classico dittico clownesco, inesorabilmente votato al gioco e naturalmente …alla sconfitta! Due perfetti Losers. Perché diciamocelo…A noi i perdenti…ci stanno simpatici! Uno spettacolo allegro e spensierato. Uno show interattivo che si propone di intrattenere e coinvolgere direttamente il pubblico, che sceglierà a proprio gusto il vincitore della serata. Una formula Vincente.
Forse.

Sabato 07 Maggio

LA STORIA DELLA MIA VITA - Il musical
Di Ilaria Deangelis
Con Fabrizio Voghera e Francesco Nardo

Arriva per la prima volta in Italia, su licenza MTI Europa, “La Storia della mia vita” (The Story of My Life), un musical scritto da Neil Bartram (compositore e paroliere) e Brian Hill (libretto). ...

Lo spettacolo ha debuttato, nella sua versione originale, a Toronto nel 2006, con protagonisti Brent Carver e Jeffrey Kuhn, ed è arrivato a Broadway nel febbraio 2009.
Lo spettacolo, in Italia, è stato fortemente voluto da Francesco Nardo, che oltre a produrlo, sarà in scena con Fabrizio Voghera, per la regia di Ilaria Deangelis.
“La Storia della mia vita” sarà interamente in italiano, con traduzione e adattamento del libretto di Sara Moschin.
Lo spettacolo vedrà la musica dal vivo dei due polistrumentisti per un alternarsi di momenti comici e drammatici.

Sabato 14 Maggio

RAL 9010 - BIANCO PURO
Di Lorenzo De Iacovo, Davide Farronato e Maurizio Fo'
Con Paolo Carenzo, Lorenzo De Iacovo, Davide Farronato
Regia di Paolo Carenzo

Oscar, Domenico e Gabriele. Tre ragazzi di circa trent’anni si ritrovano improvvisamente nell’aldilà, costretti a fare i conti con l’ineluttabilità della morte. ...

I tre ricostruiscono passo dopo passo, non senza qualche iniziale ritrosia, l’ultimo giorno della propria esistenza.


ECCO COSA È SUCCESSO
nella prima parte della stagione

Sabato 23 Ottobre

TUA GILDA
Produzione Contrasto Teatro
Di e con Paolo Carenzo, Elena Cascino, Marta Cortellazzo Wiel e Alice Piano

Gilda è una donna pura di cuore dalle forme sinuose e provocanti. Innamorata di un uomo, finito in carcere per ricettazione, lo “mantiene come un signore” vendendo il proprio corpo. ...

Lo spunto drammaturgico si sviluppa a partire da “La Gilda del Mac Mahon” una raccolta di racconti del 1959 di G. Testori.
Il lavoro delle tre attrici nasce dalla consapevolezza che ancora oggi esistono molteplici “Gilde”; da qui la rielaborazione del testo in chiave pop.
In scena si gioca, a partire dal linguaggio testoriano, su femminilità e ironia di una donna devota.

Sabato 6 Novembre

I MONOLOGHI DI NICOLAJ
Regia Corrado Vallerotti, con Donatella Boglione
Diretto e interpretato da Manierò Cane
Regia Beppe Incarbona, con Donatella Poggio

ACQUA E SAPONE
Francesca, rinchiusa in una cella di carcere dove deve scontare l’ergastolo, è ossessionata dalla pulizia.
Per lei “l’unica gioia della vita è quella che dà lavarsi. Con acqua e sapone”.
Regia Corrado Vallerotti, con Donatella Boglione ...

SOLIDARIETÀ
Il ricordo di un amore turbolento e di un’amicizia vera, sentita, condivisa riscalda l’animo di un uomo che racconta il suo menage à trois con un epilogo stravagante. Da questa esperienza trae le sue personalissime considerazioni sull’amore, sull’amicizia e sulla solidarietà.
Diretto e interpretato da Manierò Cane

CORTO CIRCUITO
Una donna estremamente sensibile ed ansiosa, cerca di rilassarsi sul terrazzino di casa all’ultimo piano, ma viene disturbata da un elettricista che sta svolgendo dei lavori per riparare i danni causati da un corto circuito.
Regia Beppe Incarbona, con Donatella Poggio

Sabato 20 Novembre

UNA STANZA TUTTA PER VIRGINIA
Di e con Vittoria Morino

"Chi potrà mai misurare il fervore e la violenza di un poeta quando questo si trova prigioniero e intrappolato nel corpo di una donna."
Virginia Woolf, definita come l'indagatrice dell'anima umana e forte sostenitrice dei diritti femminili, prende vita nella stanza dei suoi tormenti. ...

Scrittrice inglese vissuta tra il 1882 e il 1941, Virginia è uno spirito nomade che in questa nuova visione decide di scrivere un nuovo romanzo ricordando, smarrita, le sue giornate per poi piombare nel suo terrore più grande...la guerra!

Sabato 27 Novembre

AMERICANO CLANDESTINO
Di e con Mike Rollins

Mike è arrivato in Italia nel 2000 per insegnare inglese. Dopo 2 anni si è reso conto che è più facile far ridere gli italiani che insegnargli l’inglese...
Da qui inizia la sua carriera come intrattenitore: inizialmente come artista di strada per poi cimentarsi, in continua evoluzione, come attore, presentatore e cabarettista. ...

Americano Clandestino è un one-man-show, incentrato su un rapporto di amore e odio (più amore) di Mike con l’Italia, sulle difficoltà nell’adattarsi a una nuova cultura e su come la sua carriera di giocoliere itinerante lo porti spesso a contatto con la legge italiana...
Di e con Mike Rollins

Sabato 4 Dicembre

STARE BENE
Uno spettacolo di teatro canzone di Andrea Giraudo
Con Andrea Giraudo e Fabrizio Casciola

Il viaggio nel mondo di Andrea Giraudo, dove la musica ritorna protagonista. Sulle note del pianoforte che piange e ride, che morde e accarezza, ...

punteggiate dai ritmi colti ed evocativi di Fabrizio Casciola, la voce blues di Andrea Giraudo racconta la vita con leggerezza, ironia, cinismo, infinito amore e malcelato ottimismo.

Sabato 11 Dicembre

THEO
Storia del cane che guardava le stelle
Di e con Marco Gottardello
Drammaturgia Debora Benincasa
Regia Amedeo Anfuso
Scenografia Alessandro Rivoir

"Quando muore un eroe, per quanto tempo viene ricordato? E la spalla dell'eroe? Per quanto tempo viene ricordata?" ietro la porta c’è una piccola stanza con il pavimento in legno, ...

i muri azzurri, e poco altro: un paio di sedie, un tavolino e un letto lungo la parete. Sopra il letto c’è un uomo che muore solo, vinto dalla fatica, dalle delusioni e dai continui fallimenti. Quest’uomo è un semplice sconosciuto, per ora. Quest’uomo è un genio assoluto e incompreso, eccentrico rivoluzionario dell’arte del suo tempo. Quest’uomo è Vincent van Gogh. Ma il mondo non lo piangerà, per ora.
Lo piange l’unica persona che per prima ha capito il suo talento, che da sempre lo considera un genio e il suo eroe personale: Theo. Il fratello minore che nell’ombra lo ha supportato per tutto questo tempo, contro tutto e tutti, nonostante il fallimento annunciato, nonostante la luce in fondo al tunnel non sia mai esistita. Theo, la spalla dimenticata dell’eroe, che crede fino all’ultimo in quella piccola luce, che tenta di emergere dall’oblio tirandosi dietro il fratello raccontando la sua versione, Theo che ora non potrà far altro che arrendersi e prepararsi al funerale del suo eroe, abbandonato da tutti.
L’unico a dargli ragione sarà il tempo, quando il tempo stesso sarà ormai scaduto.
Anomalia Teatro - Torino